Monthly Archive luglio 2017

Guida al consumo di snack sani: bocconcini di pane al posto delle classiche patatine

palitos de pan y los productos biológicos

Patatine: buone, ma sane?

Le patatine sono molto gustose e rappresentano anche un simpatico snack da consumare in disparate occasioni, tuttavia dal punto di vista nutrizionale non sono il massimo. Infatti questi prodotti di largo consumo spesso sono fritti e contengono un alto contenuto di grassi che non fanno sicuramente bene a chi segue diete dimagranti, ma anche in generale a chi tiene alla propria salute. Sarebbe bene quindi sostituire questi prodotti con altri snack sani, magari fatti in casa.

Bocconcini di pane, un’alternativa sana alle patatine

Praticamente tutti possono cucinare in casa degli snack gustosi, ma anche sani come i bocconcini di pane. Questa ricetta prevede l’utilizzo di ingredienti solitamente presenti in ogni dispensa e anche molto economici. Realizzando i bocconcini di pane si potranno accontentare i bambini che sono sempre in cerca di uno spuntino goloso, ma anche gli adulti che durante la giornata si concedono una pausa per gustare qualcosa di buono. Con i bocconcini di pane però la merenda diventa anche un momento per nutrirsi in modo sano senza spendere troppo e in modo facile e veloce.

Ricetta dei bocconcini di pane

Preparare i bocconcini di pane in casa è molto facile. Basta impastare un kg di farina con 20 g di sale con dell’acqua tiepida in cui dovrete sciogliere preventivamente 50 g di lievito di birra. Il tutto va impastato con vigore e poi lasciato lievitare per circa 60 minuti, dopo di che il composto va impastato nuovamente e lasciato ancora riposare per ulteriori 30 minuti in un luogo caldo. Successivamente potrete formare dei panini della misura e forma che preferite, inumidendovi le mani per non far attaccare la pasta. I panini andranno poi riposti sotto un telo e lasciati riposare ancora per un’ora. A questo punto potranno essere cotti in forno prima a 220° per 5 minuti, poi a 200° per altri 20 minuti.

Grissini naturali: Che cosa vuol dire OGM free

grissini al mondo

Cosa sono gli OGM

OGM vuol dire organismo geneticamente modificato, come si può già dedurre dal nome, si tratta di organismi a cui è stato modificato il patrimonio genetico tramite la mescolanza dei geni e la selezione. Queste operazioni prevedono la manipolazione del DNA degli organismi, nel caso dei prodotti panificati tale processo riguarda i cereali. Nel nostro Pese la coltivazione di prodotti OGM è vietata, però purtroppo molti di questi vengono importati dall’estero e quindi bisogna far attenzione ad acquistare dei prodotti che ne sono privi, in questo caso parliamo di grissini naturali e quindi OGM free.

OGM free

Visto quanto detto sopra è essenziale per una corretta nutrizione fare attenzione ai propri acquisti e comprare solo prodotti che siano OGM free ovvero privi di ingredienti geneticamente modificati. Soprattutto per noi italiani che della cucina ne facciamo un arte e che abbiamo tradizione culinaria conosciuta in tutto il mondo, non dovremmo utilizzare prodotti OGM con i quali i sapori gustosi dei prodotti tipici finirebbero per impoverirsi. Come nel caso dei grissini, bisogna leggere bene l’etichetta e tutte le ulteriori informazioni, per sapere se si sta acquistando un grissino naturale OGM free.

Grissino naturale OGM free

Perché comprare dei grissini che contengono OGM quando invece abbiamo la possibilità di fare una scelta più sana, naturale, gustosa e fedele alle nostre tradizioni? La scelta dei grissini naturali OGM free è quella giusta, soprattutto se i grissini sono destinati ai bambini e ai ragazzi che si trovano in un importante fase di crescita e necessitano di cibi sani. Sono tanti i prodotti omologati all’ OMG free e reperibili sul mercato, in più si può sempre pensare di acquistare prodotti artigianali fatti solo materie prime di qualità, coltivate e lavorate come si faceva una volta.

 

Grissini monoporzione la merenda perfetta da portare a scuola per la ricreazione

palitos de pan envueltos individualmente

I grissini monodose sono davvero la merenda perfetta per la scuola?

Grazie ai grissini monodose, i bambini possono portare a scuola una merenda sana e sicura, che gli garantirà un pasto gustoso.  Con i grissini monodose tutto è più semplice, innanzitutto occupano meno spazio all’interno della borsa, non solo, infatti i grissini sono un alimento sano e controllato che potrà garantire un’alimentazione ottimale per merito delle fibre contenute al suo interno. Inoltre grazie alla varietà di gusti disponibili i bambini potranno scegliere quotidianamente quale grissino portare a scuola per merenda.

I grissini monoporzione sono sicuri?

I grissini sigillati singolarmente sono un prodotto sicuro, infatti essendo confezionati singolarmente garantiscono un’igiene del prodotto senza eguali, così il grissino non andrà a contatto diretto con lo zainetto o con la cancelleria scolastica che solitamente è sporca, garantendo la salute del bambino. Fare merenda con i grissini permette ai ragazzi di mangiare sano, soprattutto se si tratta di grissini artigianali e non di quelli industriali.

Perché scegliere i grissini artigianali come merenda?

La scelta dei grissini artigianali invece di quelli industriali è migliore sotto diversi punti di vista, in primis per le materie prime utilizzate, infatti quest’ultime sono di altissima qualità. Le materie prime come farina, olio ecc., vengono controllate ed esaminate in laboratorio così da garantire sempre uno standard qualitativo elevato. La scelta dei grissini artigianali è la migliore se si tiene all’alimentazione dei propri figli, garantendogli una merenda sicura, genuina, ma anche buona e sicura. Inoltre grazie alla vasta scelta di gusti disponibili i ragazzi potranno variare ogni giorno la loro merenda senza stancarsi mai. È importante sapere anche che i grissini artigianali sono privi di olio di palma e di conservanti che come risaputo sono dannosi per la salute.

Grissini confezionati: non sono tutti uguali!

Piavettini al Kamut

Quali sono le principali differenze nei grissini confezionati?

I grissini confezionati non sono tutti uguali, infatti sugli scaffali dei supermercati è possibile trovare diverse varietà di grissini, da quelli integrali fino a quelli aromatizzati a vari gusti. Ma questi prodotti panificati non si differenziano solo per i gusti, ma anche nel formato e nella lavorazione. Quest’ultima è un aspetto importante, ci sono infatti due tipologie di produzione, quella artigianale e quella industriale.

Quali sono le differenze tra grissini artigianali e quelli industriali?

I grissini artigianali sono da preferire a quelli industriali per diversi motivi, quali il metodo di realizzazione, le materie prime adoperate e la qualità finale del prodotto. Quelli industriali spesso non hanno una  qualità eccelsa in quanto vengono realizzati da macchine che per quanto possano essere precise non riescono a garantire quel sapore e quella croccantezza che solo i mastri fornai riescono ad ottenere. Un’altra cosa importante che distingue i grissini artigianali da quelli industriali è la mancanza di olio di palma e di altri prodotti che servono per la conservazione.

Formato famiglia o monodose?

Anche il formato ha la sua importanza, sugli scaffali dei supermercati è possibile trovare diverse varianti come ad esempio i formati famiglia oppure i monodose. La scelta va fatta a seconda delle proprie esigenze, infatti se una persona necessita di uno snack veloce da portare in ufficio o durante una gita, è consigliabile l’acquisto dei pacchetti monodose che sono più comodi da trasportare all’interno di borse o zaini. Cosa diversa per quanto riguarda il formato famiglia che come si evince dal nome, è adatto ad un nucleo numeroso di persone. Tuttavia questo tipo di confezionamento non è il migliore perché i grissini così confezionati solitamente tendono a perdere la propria fragranza se non si provvedere a conservarli in poche ore da quando si apre la busta.

Grissini confezionati singolarmente perfetti per chi pranza in ufficio

individually wrapped breadsticks

Per quale motivo i grissini confezionati singolarmente sono migliori?

I grissini sono uno tra gli snack maggiormente apprezzati e consumati durante le pause pranzo negli uffici e negli altri luoghi di lavoro. Quelli confezionati singolarmente sono perfetti per tutte le persone che dispongono di poco tempo per pranzare oppure per una pausa, o più semplicemente per una merenda veloce. Il confezionamento singolo garantisce anche un’igiene maggiore del prodotto che essendo sigillato singolarmente permette di mantenere la freschezza invariata per molto tempo.

Quali sono i vantaggi dei grissini confezionati singolarmente?

I grissini confezionati singolarmente hanno moltissimi vantaggi, come ad esempio la praticità d’uso. Le classiche confezioni di grissini una volta aperte costringono l’acquirente a mangiare tutto il contenuto in poco tempo, mentre con i grissini confezionati singolarmente ciò non avviene. Infatti in questo modo vi è la possibilità di gustarli uno ad uno senza dover per forza consumarli tutti in quel momento. Un altro punto a favore dei grissini confezionati singolarmente è la comodità di trasporto, infatti occupano molto meno spazio all’interno della borsa o della 24 ore. Inoltre le monoporzioni permettono di mantenere il grissino morbido all’interno e croccante all’esterno visto che vengono consumati singolarmente.

Per quanto tempo è possibile conservare i grissini confezionati singolarmente?

Il confezionamento singolo dei grissini permette di conservarli per lunghi periodi di tempo senza alcun problema. Ovviamente il tempo di conservazione dei grissini va in base alla data di produzione e a quella di scadenza del prodotto stesso, quindi è importante controllare sempre l’etichetta così da essere certi che il prodotto sia ancora buono. Questo particolare modo di confezionamento è quello perfetto per tutte le persone che necessitano di mangiare uno snack a lavoro o durante una pausa senza dover rinunciare alla freschezza del prodotto e alla sua croccantezza.

Grissini abbinati al dolce: qualche idea

Prodotti da forno grande distribuzione sul blog di Piavettini.com

Un abbinamento differente dei grissini

Chi è che non ama mangiare i grissini? Possono essere consumati anche da soli, come un comodo snack da portarsi dietro al lavoro, oppure quando si è in vacanza al mare o a fare un bel pic-nic in montagna. Infatti di grissini c’è ne sono davvero tante varianti, prima di tutto possono essere fatti con farine differenti come la kamut o quella integrale e senza grassi. In commercio si trovano anche in gusti differenti come: alle olive, al mais, al sesamo, alle noci, al peperoncino e al finocchietto. Si possono accompagnare a salumi vari, famosa è la meravigliosa unione tra grissino e prosciutto crudo, ma anche a formaggi freschi e stagionati. Non solo, possono essere usati come crostini nelle zuppe oppure abbinati a degli alimenti dolci.

Grissini abbinati al cioccolato fuso

Ebbene sì, i grissini sono degli snack molto versatili e tra i vari alimenti con i quali possono essere abbinati, vi sono anche i dolci. Infatti se abbinato con la cioccolata fusa si può creare un golosissimo snack. Le tipologie di cioccolato da usare possono essere svariate: al latte, fondente o bianco oppure l’unione di due di questi. Ma non solo, prima di far raffreddare lo strato di cioccolato fuso si può anche aggiungere una leggera spolverata di granella a scelta, è perfetta quella di nocciole oppure quella di mandorle. Insomma grissino e cioccolata sono un connubio delizioso.

Grissini e creme

Ma non ci fermiamo al cioccolato fuso, infatti si può comodamente abbinare i grissini a delle gustose creme, come quella di nocciole oppure abbinarle con: il Burro di arachidi; la Crema alle mandorle, la Crema di pistacchi, la Crema al limone, la Crema al caffè, la Crema alle castagne e tante altre ancora. Insomma potrete sbizzarrirvi come meglio volete facendo gli abbinamenti che più vi gustano.