Il classico pane e le sue varianti

Per noi italiani il pane è un alimento importante, non deve mai mancare a tavola, stiamo parlando infatti del più importante tra i prodotti da forno, apprezzato in tutte le sue varianti e in ogni parte del globo. Basta pensare che solo in Italia ci sono davvero tantissime versioni di questo alimento. Infatti sono davvero tanti i tipi di pane che differiscono non solo per la loro preparazione ma anche per gli ingredienti adoperati.  Ma quali sono le alternative al solito pane? Sono davvero tante. Andiamo a vederle nello specifico.

Le diverse varianti del classico pane

Partiamo con dei prodotti di panificazione che sono tra le più classiche varianti del pane, come la piadina romagnola, nel nostro Paese è davvero un must tra i prodotti da forno. La piadina è tipica dell’Emilia Romagna ed ha delle caratteristiche inconfondibili, infatti la sua forma è rotonda e appiattita, perché l’impasto di cui è fatta non subisce la lievitazione. Gli ingredienti sono costituiti da: acqua, sale e farina di gran tenero. Insomma un impasto davvero semplice per un alimento così gustoso, alcune varianti prevedono o un po’ di strutto oppure d’olio. Ovviamente la piadina si mangia arrotolata o ripiegata su sé stessa con all’interno alimenti vari quali: verdure, formaggi, salumi ecc.

Grissini, cracker & co

Ma non ci limitiamo ad un solo prodotto di panificazione, infatti troviamo anche i gustosi cracker, le fette biscottate, le schiacciatine o i grissini, tutti reperibili in diversi gusti, con svariate farine e anche poveri di grassi. Inoltre sono anche disponibili in pratiche ed igieniche monoporzioni, come nel caso dei grissini Piavettini, che sono più corti e larghi dei classici grissini, ma anche più comodi per essere portati sempre con sé, nella borsa o nello zaino. Tutte queste alternative al classico pane possono essere consumate proprio come quest’ultimo, da sole o accompagnate a da altre pietanze.