Italia: il paese degli snack salati

La tradizione culinaria italiana è ricca di snack salati che sono apprezzati non solo a livello nazionale, ma anche nel resto del mondo. Alcuni snack tipicamente italiani sono diventati quasi un simbolo delle regioni in cui vengono prodotti, pensiamo ad esempio ai taralli pugliesi o napoletani e ai grissini piemontesi. Si tratta di prodotti tradizionali, sani e gustosi che si possono mangiare da soli o come accompagnamento per altre pietanze come salumi e formaggi di vario genere.

I taralli italiani

I taralli sono caratterizzati dalla tipica forma a ciambella, hanno un consistenza croccante all’esterno e friabile internamente e sono disponibili in tantissimi gusti e dimensioni. I taralli sono prodotti tradizionalmente in Puglia, Campania, Calabria, Basilicata e Sicilia e per questo motivo sono stati inseriti nei (P.A.T) prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Tuttavia la fama di questo prodotto è talmente grande che ormai i taralli sono prodotti anche a livello industriale. Oltre alle classiche varianti all’olio di oliva, peperoncino, e semi di finocchietto, oggi è possibile trovarli anche in altri gusti meno convenzionali come ad esempio al sapore di pizza.

I grissini Italiani

Analogamente ai taralli, anche i grissini che sono però tipici del nord Italia, hanno riscosso un grosso successo e benché provengano tradizionalmente dal Piemonte, ormai sono prodotti industrialmente anche dalle più grandi case produttrici nazionali. Anche in questo caso in commercio è disponibile una grande varietà di grissini che si differenziano per gusto, ma anche per le dimensioni, come ad esempio gli innovativi monoporzione che sono più corti e doppi rispetto ai classici grissini lunghi e sottili. Che si tratti di taralli, grissini o di altri snack italiani è sempre bene scegliere prodotti lavorati in modo artigianale, fatti con materie prime di alto livello.